LilyInfoSystems.it si avvale di cookie tecnici, anche di terze parti, per le finalità illustrate nella privacy policy. Se accedi a un qualunque elemento sottostante acconsenti a utilizzarli.

Ultime news

news

BUON COMPLEANNO INTERNET: 25 ANNI FA NASCEVA IL PRIMO SITO WEB

Tim Berners Lee

Quando chiediamo ad un ragazzo l’età e ci risponde che ha 25 anni pensiamo che siamo davanti ad un ragazzo giovane. Ma non pensiamo che la sua giovinezza è pari ad uno degli strumenti che utilizziamo maggiormente ogni giorno, allo strumento che -per inciso- vi permette di leggere questo stesso articolo.

INTERNET

IBM offre il suo processore quantistico su IBM Cloud

Ibm ha annunciato la nascita di una sorta di laboratorio virtuale per sviluppare e testare i propri algoritmi attraverso il cloud, su un processore quantistico reale. Dedicato a tutti, o quasi. La piattaforma IBM Quantum Experience consentirà agli utenti di eseguire algoritmi ed esperimenti sul processore quantistico di IBM tramite cloud.

DWave 128chip 640x442

Questa piattaforma di quantum computing su cloud, denominata IBM Quantum Experience, consentirà agli utenti di eseguire algoritmi ed esperimenti sul processore quantistico di IBM, lavorare con singoli bit quantistici (qubit) ed esplorare attraverso tutorial e simulazioni tutte le possibilità del quantum computing. Il processore quantistico, composto da cinque qubit superconduttori, si trova presso l’IBM T.J. Watson Research Center di New York e rappresenta la più recente avanguardia nell’architettura quantistica IBM con scalabilità a sistemi quantistici più ampi. E’ attualmente la modalità principale verso la costruzione di un quantum computer universale.

Un computer quantistico universale può essere programmato per eseguire qualsiasi attività computazionale, con velocità di elaborazione esponenzialmente superiori rispetto ai computer tradizionali per importanti applicazioni in ambito scientifico e industriale.

endtoend whatsapp

A partire da oggi finalmente è stata attivata la crittografia end-to-end su tutti i dispositivi, da questo momento i messaggi e le chiamate effettuate con WhatsApp saranno protette con questo sistema in modo da permette la decodifica solo agli utenti interessati, la stessa WhatsApp non avrebbe modo di visualizzare in chiaro le varie info scambiate neanche sotto richiesta delle autorità.

Un importante passo verso la privacy delle persone soprattutto dopo lo scandalo Datagate che ha rivelato al mondo i programmi di intercettazione dell’Nsa. L’attivazione di questa crittografia viene segnalata sull’app ufficiale per Windows Phone appena avviamo una conversazione (vedi immagine sopra)